Vivere ilTeatro Santuccio

Luogo di incontro per Varese

Lettera alle Associazioni

Eccoci dunque a parlare del Teatro Santuccio: proprio la sua configurazione strutturale ad “anfiteatro greco” ed il numero di posti limitato ne aumentano l’attrattiva per tutti coloro che, sul territorio, desiderano proporre e fruire di eventi di particolare qualità, a costi contenuti.
Dopo gli anni dell’abbandono e l’uso a singhiozzo di pochi, oggi stiamo assistendo alla riscoperta di questa sala da parte di Associazioni e Cittadini con interessi in ambito musicale, teatrale, artistico, politico e, più in generale, sociale. Le sue caratteristiche logistiche e l’ubicazione al centro della città, come già detto, la rendono interessante per tutti coloro che hanno idee e proposte e che sono disponibili a mettersi in gioco, realizzando, con risorse contenute, un’opera apprezzabile.
“Teatro Gianni Santuccio, luogo, spazio, occasione per Varese… a Varese”: con questo claim viene presentato il Teatro Santuccio nella nuova gestione del Centro Gulliver. Nelle nostre intenzioni, infatti, è un luogo aperto a tutti coloro che, avendo a cuore lo sviluppo e la promozione culturale del territorio, hanno idee e proposte in linea con la nostra mission e con gli obiettivi del progetto. Vorremmo sempre più farla diventare la “sala della città”,favorendo la fruizione culturale da parte dei Cittadini. La gestione di questo spazio è portata avanti attraverso:

la direzione artistica partecipata

abbiamo costituito un tavolo organizzativo di coordinamento artistico con alcuni partner (referenti di altrettante Associazioni Culturali della Provincia di Varese, conosciute e attive nell’ambito della musica, del teatro, della danza e della formazione) che, tenuto conto dell’originalità dello spazio, propone una linea di contenuti e seleziona i progetti e le proposte artistiche provenienti dall’esterno

l’ apertura alle associazioni del territorio

collaboriamo con le Associazioni sociali e culturali della Provincia di Varese, dalle quali ci aspettiamo richieste e proposte: abbiamo puntato fin da subito sul lavorare in rete, favorendo l’emergere delle molteplici competenze presenti nel ricco tessuto culturale della zona di Varese. Lavorare in rete per noi significa essere aperti alle diverse proposte che arrivano dalle realtà culturali e sociali locali

l’attenzione per l’area formativa

prestiamo grande attenzione all’area della formazione, con progetti rivolti soprattutto a bambini e ragazzi, a sostegno della famiglia. Siamo convinti infatti che la prima prevenzione passi attraverso un buon uso del tempo libero e per questo ne curiamo in modo particolare la gestione e l’animazione, anche attraverso la formazione.
Per questi motivi, abbiamo sentito la necessità di far conoscere il più possibile questa realtà e le sue potenzialità ai possibili fruitori sul territorio varesino

Perchè il centro Gulliver

Come è noto, dall’ottobre 2011 il Centro Gulliver di Varese ha assunto la gestione del Teatro Gianni Santuccio, “location” varesina di grande prestigio che il Comune di Varese ha da poco rilanciato per soddisfare le molteplici richieste culturali, artistiche e sociali della cittadinanza.
Con la presente vogliamo mettervi al corrente delle modalità e delle finalità di questa iniziativa e informarvi sulle possibilità di collaborazione.

Perché il Centro Gulliver?

Il Centro Gulliver rappresenta per Varese una realtà significativa e riconosciuta nell’ambito della cura del disagio e del malessere psichiatrico e da dipendenza.
Anni di lavoro ci hanno confermato come le radici di ogni forma di disagio spesso vadano cercate nella difficoltà ad esprimere le proprie emozioni e a realizzare una buona comunicazione nelle relazioni interpersonali, una dinamica, questa, che può generare passività e mancanza di responsabilità nei confronti di se stessi e degli altri.
Tutto questo ha reso più che mai evidente l’urgenza di porre particolare attenzione al miglioramento delle comunicazioni interpersonali ed a ottimizzare la gestione e l’animazione del tempo libero: abbiamo all’attivo progetti territoriali di animazione e sostegno per coloro che si occupano di educazione perché siamo convinti che la prima prevenzione passi attraverso un buon uso del tempo libero.
Per questi presupposti, che caratterizzano la nostra storia e la nostra “competenza umana”, avendo a disposizione unicamente risorse creative ed organizzative, abbiamo scelto di rispondere positivamente alla proposta del Comune di Varese.
Il nostro desiderio è quello di creare uno spazio-laboratorio di incontro e confronto a disposizione dei cittadini, contraddistinto da una proposta culturale volta al ben-essere, nel quale ciascuno possa condividere la propria esperienza mettendosi in gioco in prima persona.

La Proposta Culturale

La sua configurazione strutturale ad “anfiteatro greco” ed il numero di posti limitato ne aumentano l’attrattiva per tutti coloro che, sul territorio, desiderano proporre e fruire di eventi di particolare qualità, a costi contenuti.

Dopo gli anni dell’abbandono e l’uso a singhiozzo di pochi, oggi stiamo assistendo alla riscoperta di questa sala da parte di Associazioni e Cittadini con interessi in ambito musicale, teatrale, artistico, politico e, più in generale, sociale.

Le sue caratteristiche logistiche e l’ubicazione al centro della città, come già detto, la rendono interessante per tutti coloro che hanno idee e proposte e che sono disponibili a mettersi in gioco, realizzando, con risorse contenute, un’opera apprezzabile.

“Teatro Gianni Santuccio, luogo, spazio, occasione per Varese… a Varese”: con questo claim viene presentato il Teatro Santuccio nella nuova gestione del Centro Gulliver. Nelle nostre intenzioni, infatti, è un luogo aperto a tutti coloro che, avendo a cuore lo sviluppo e la promozione culturale del territorio, hanno idee e proposte in linea con la nostra mission e con gli obiettivi del progetto.

Vorremmo sempre più farla diventare la “sala della città”, favorendo la fruizione culturale da parte dei Cittadini.

I Prossimi Spettacoli